Redirect di pagine del vecchio sito non ottimizzate

Quella del redirect di pagine del vecchio sito non ottimizzate è una questione capitale, da valutare nella fase progettuale propedeutica alla Search Engine Optimization. Effettuarla deve essere considerata una priorità per due motivi: non perdere l’indicizzazione e la conseguente posizione acquisita nelle Serp; non mostrarsi agli occhi di Google come un sito dove abbondano gli errori 404 (Page NotFound).

Se il sito web viene modificato senza effettuare la migrazione, i nuovi indirizzi saranno indicizzati, ma quando l’utente che effettua la ricerca cliccherà su di essi si troverà di fronte ad un errore 404: come è noto, tale azione è penalizzante da parte di Google, che predilige sempre la visione utente. Non effettuare il redirect di pagine del vecchio sito non ottimizzate comporterà, in questi contesti, una situazione spiacevole: nonostante con il tempo le pagine 404 vengano rimosse dall’indice, la rigida filosofia user oriented di Google potrebbe spingere il sito in black list, bollandolo come una risorsa non valida o poco affidabile. Rimuovendo dall’indice tali pagine, con essere verrà eliminato anche il “link juice” relativo, limitando e riducendo il valore del sito.

Ecco una serie di considerazioni utili relative al cambio di Url:

  • Google indicizza ogni pagina, anche i vecchi indirizzi.
  • Apportando una modifica all’Url, Big G. può inviare utenti al sito, dove visualizzeranno un 404.
  • È necessario informare Google sul redirect di pagine del vecchio sito non ottimizzate, pagina per pagina, indirizzo per indirizzo (redirect 301).
  • Google assegna PR ad ogni indirizzo: modificandolo, si può presentare un Page Rank pari a 0 (momentaneo).
  • Il redirect può influire positivamente sul ranking.
  • Utilizzando un redirect 301, i link ai vecchi Url non subiscono cambiamenti.
  • Anche le pagine web linkate ad un vecchio Url, grazie al redirect non vengono influenzate negativamente.
  • Considerare sempre che la necessità dei redirect 301 è essenziale sviluppando ex novo un sito: qualora non fossero utilizzati i re-indirizzamenti in questione sarebbe possibile recuperare solo gli Url indicizzati da Google.
  • Contare sul redirect di pagine del vecchio sito non ottimizzate è vitale per non incorrere in centinaia di errori 404 che sancirebbero il crollo delle visite.

 

 

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email
Giovanni Sodano

Giovanni Sodano

Consulente Marketing, studioso di Seo e Naming. Autore del libro SeoDance.

Visita il sito

Altri post