Struttura delle directory di un sito web

Il primo passo nello sviluppo della struttura delle directory di un sito web è quello della progettazione: un consiglio utile è quello di definire la struttura che si desidera creare ricorrendo all’aiuto di programmi come Excel, inserendo nella griglia tutte le pagine che comporranno la struttura definitiva “ad albero”: dalla Home, si diramano una serie di “Sezioni”, ciascuna delle quali con una o più “sottosezioni”. L’obiettivo da prefissarsi è quello di definire un’architettura interna equilibrata, che si avvicini graficamente al disegno di una piramide regolare, con sezioni e sotto-sezioni bilanciate.

Maggiore è il numero delle volte in cui una pagina interna è linkata, maggiore sarà la sua importanza: questa componente è essenziale nella definizione della struttura delle directory di un sito web. In base a questa considerazione, è chiaro che verificare la distribuzione interna dei collegamenti ipertestuali può essere vitale: al riguardo, esistono differenti tool tra cui Screaming Frog e Website Auditor che ne effettuano il conteggio analitico.

Definito il progetto strutturale del sito, si passa alla definizione dei nomi delle sezioni: è bene puntare su nomi che rispecchino una ricerca attiva da parte dell’utenza e che siano parole chiave di una certa rilevanza rispetto al topic del sito. Google Trends, Keyword Planner di Google, Ubersuggest, sono alcuni tra i tool che possono essere utili per l’identificazione di nuove key, la cui scelta nella struttura delle directory del sito web è un passo cruciale per la search engine optimization.

Strutturata l’architettura del sito secondo la forma di una piramide, bisogna concentrarsi su come collegare le singole sezioni che la compongono. Non perdere mai di vista un concetto: creare correlazione. Immaginando ogni sotto-sezione come una piramide più piccola contenuta in una piramide più grande, ciascuna deve linkare tutte le sue sotto-pagine e viceversa. Bilanciando e creando delle connessioni, si agevolano i motori di ricerca, mostrando loro coerenza e approfondimento su un argomento. La fase di scrittura degli Url può influenzare notevolmente la possibilità di posizionarsi sul web: dopo aver definito la struttura delle directory del sito web si passa alla loro descrizione breve, chiara e con opportune parole chiave.

 

 

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email
Giovanni Sodano

Giovanni Sodano

Consulente Marketing, studioso di Seo e Naming. Autore del libro SeoDance.

Visita il sito

Altri post

Posting list

Con l’evoluzione degli algoritmi dei motori di ricerca, la Seo è mutata progressivamente, virando un’attenzione sempre maggiore verso attività off-page . Lo sviluppo di una

Leggi tutto »

Indicizzazione delle pagine web

L’indicizzazione delle pagine web ha come finalità principale l’accrescimento delle visite ad un sito, che potrà scalare le posizioni all’interno delle Serp attraverso un’oculata attività

Leggi tutto »

La home page

La home page è il biglietto da visita di un sito web: per questa ragione, va meticolosamente implementata, coniugando praticità, efficienza ed un tocco estetico

Leggi tutto »